Riepilogo

  • 6 Febbraio 2022
  • domenica, 12:00 Fino alle 14:00

Contact event manager

1 2 3 4

Prenota subito

  • 45€ Le due versioni del dhal puri 10 Posti disponibili
Prenota

Prenota il corso

Le due versioni del dhal puri
10
45€
One time registration allowed for this ticket
0€
Grazie Mille

Gâteaux salés e dhal puri

domenica, 12:00 Fino alle 14:00
6 Febbraio 2022

000000

Gâteaux salés e dhal puri

12-14 + Pranzo

domenica, 12:00 Fino alle 14:00
6 Febbraio 2022

STAMPA

GÂTEAUX SALÉS E DHAL PURI

MAURITIUS

con Vima

IL CORSO

Prima di iscrivervi a questo corso innanzitutto bisogna chiarire una cosa: non si dice alle Mauritius al plurale, terminologia errata che si è diffusa perché presenti più isolette piccole nei dintorni, ma a Mauritius, al singolare, perché Mauritius è un’isola . Una volta chiarito questo aspetto, il corso inizierà con un gateau salée, i tipici dolci salati fritti che si trovano ovunque a Mauritius. Ognuno di questi rispecchia un differente momento storico di colonizzazione e tutto quel mondo creolo che permea l’isola; ricordiamo infatti che Mauritius è stata colonizzata da vari popoli: prima dai portoghesi all’inizio del 1500, poi da olandesi, francesi e infine inglesi per raggiungere l’indipendenza solo nel 1968. Per questo, i gâteaux salés raccontano proprio la storia d Mauritius, visto che hanno dei richiami con qualche paese, come con l’India nel caso dei samosa. I gâteaux salés si trovano ovunque: in occasione delle cerimonie religiose (in gran parte hindu), nelle strade come street food, ma anche nelle case per colazione, pranzo, aperitivo o cena. “È sempre l’ora di mangiarsi un gâteau!”

Successivamente si passerà alla preparazione del dhal puri, un piatto che a Mauritius si mangia sempre e ovunque, in qualsiasi momento della giornata. “Non manca mai nelle occasioni più importanti, come le feste che si svolgono fino a notte fonda, dopo aver ballato per ore… Un po’ come pane e salamella in Italia!”. Il dhal puri è una sorta di piadina fritta di farina di piselli che si mangia in abbinamento ad altri piatti. È presente in due versioni differenti: come street food, con legumi, chutney di cocco, polpo o sugo di pomodoro; nella versione di casa, invece, viene servita quasi sempre con riso e pesce, di solito orata.

Inoltre, durante il corso Vima vi spiegherà come realizzare un’ottima e sana frittura: quale olio utilizzare, a quale temperatura e quali sono le tecniche migliori per impanare i vostri ingredienti.

PIANO DIDATTICO

– Un gateau salée fritto variabile

– Dhal puri in versione street food (farina di piselli gialli, cumino, cocco, patate, tamarindo, menta, peperoncino, aglio, cannellini, olio, sale, pomodoro, zucchero, curcuma, cannella)

– Dhal puri in versione casa (farina di piselli gialli, orata, melanzane, spezie, coriandolo, sale, olio, pepe)

DETTAGLI

Costo

45€

Cosa comprende

– 2 ore di corso
– pranzo
– brochure con ricette e attestato di partecipazione

Quando

Sabato dalle 10 alle 12

CHI È VIMA

Vima è una donna speciale. Una donna che nella vita ha lottato per quello che voleva e che ha superato tutte le difficoltà senza mai arrendersi, sempre con un sorriso. Nasce il 17 marzo del 1970 a Vacoas, un piccolo paese nell’entroterra di Mauritius, in una famiglia di sei fratelli. Fin da piccola la cucina è presente nella sua vita: “mia mamma ha sempre cucinato a casa, mio papà era chef di un albergo importante, mentre mia nonna Moota lavorava per la mensa della scuola”.

Negli anni aiuta anche gli zii che avevano un ristorante, finché decide di farsi una vacanza in Italia, senza sapere che ci sarebbe rimasta per sempre. “Quando sono partita non pensavo che sarebbe andata così, ma forse mio padre se lo sentiva, perché mi ha detto: questa sarà sempre casa tua”.

A Milano inizia facendo la baby-sitter, poi a 22 anni quando nasce il suo primo figlio Ivan si trasferiscono insieme da un’amica in provincia di Bologna: è in questo periodo che Vima lavora in un ristorante e impara tutta l’arte della pasta fresca fatta in casa. “Preparavo sempre ravioli e tortelli con mio figlio. Ho capito che cucinare e poi invitare la gente, mi faceva impazzire!”.

In seguito torna a vivere a Milano dove lavora in una casa di produzione televisiva: qui conosce il suo attuale marito. Da questo momento in poi la cucina diventa sempre più importante nella vita di Vima: partecipa a programmi televisivi, segue corsi di cucina, fa ricerche sul mondo del cibo. Nel 2013, un po’ per scherzo, un’amica le dice: “ma tu sei troppo brava, devi avere un blog!” Così inizia scrivere e dopo poco viene contattata dal consolato mauriziano per cucinare a un evento con 70 blogger. Da quel momento in poi è un successo continuo: tutti vogliono Vima per compleanni, eventi, programmi. Nel 2018 Vima frequenta un Master sulla cucina Antiaging alla Cucina Evolution Acadamy, dove approfondisce vari temi legati al rapporto tra cibo e salute e ad alcune diete.

Oggi va avanti a fare attività di catering e home chef. E pensate, che è già nonna!

LA CUCINA MAURIZIANA NEGLI ARTICOLI DI GIULIA UBALDI

1