Riepilogo

  • 30 Novembre 2022
  • mercoledì, 20:00 Fino alle 22:00

Contact event manager

1 2 3 4

Prenota subito

  • 55€ Meze di pasta fillo 8 Posti disponibili
Prenota

Prenota il corso

Meze di pasta fillo
8
55€
One time registration allowed for this ticket
0€
Grazie Mille

Meze di pasta fillo

mercoledì, 20:00 Fino alle 22:00
30 Novembre 2022

000000

Meze di pasta fillo

20-22 + Cena

mercoledì, 20:00 Fino alle 22:00
30 Novembre 2022

STAMPA

MEZE DI PASTA FILLO

TURCHIA

con Selin

IL CORSO

Questo corso è incentrato sulla preparazione del meze turco, il tipico aperitivo che si fa in Turchia nei meyhane (come bar o ristoranti), durante il quale vengono portate varie pietanze da condividere al centro della tavola.

Il meze è composto da una serie di portate fredde come insalate e salse, seguite poi da altre calde, quali börek, che indica qualsiasi piatto fatto con la pasta fillo, che sarà al centro delle lezioni. Durante il corso Selin insegnerà come preparare la pasta fillo a mano con l’oklava, il tipico mattarello tradizionale turco, necessario per ottenere una pasta sottilissima. Per questioni di tempo un’altra parte della pasta fillo, invece, sarà già pronta. Ogni volta ci saranno due börek vegetariani e uno di carne, cotti al forno, fritti o in padella. In accompagnamento sarà sempre servito nei tipici bicchieri turchi il rakı, bevanda alcolica all’anice diluito con acqua, che non manca mai durante ogni meze che si rispetti. “In Turchia la gastronomia viene proprio costruita intorno al rakı; il meze si chiama anche tavola del fabbro, perché così come il fabbro apre le porte, il rakı ti fa aprire il cuore”.

PIANO DIDATTICO

Parte fredda: 

  • Insalata di melanzane affumicate (o di altre verdure di stagione) con pane mediorientale

Parte calda: 

  • Sigara böreği (pasta fillo, feta, menta, uova)
  • Muska Boregi (carne tritata di agnello, cipolla, cumino, funghi, olio, peperoncino) disponibile anche in versione vegetariana su richiesta
  • Kol böreği (pasta fillo, spinaci, olio, cipolla, tulum, uova, sesamo)

Il tutto in abbinamento a due salse: tahina e di yogurt

Da bere un bicchiere di Raki, come in un vero meyane, oppure un bicchiere di vino

DETTAGLI

Costo

55€

Cosa comprende

– 2 ore di corso
– degustazione
– brochure con ricette e attestato di partecipazione

CHI È SELIN

Selin nasce nella parte europea e cresce nella parte asiatica di Istanbul. La cucina è sempre stata la sua passione, per anni, però, Selin si occupa di altro, in particolare di moda e abbigliamento, disegnando modelli di vestiario, che poi produceva e vendeva in un negozio di abiti premaman in Turchia. “Ho sempre cercato di creare un ponte tra Italia e Turchia”.

Nel 2007 arriva il loro primo figlio, nel 2008 la seconda; ma nello stesso anno arriva anche la crisi, che porta Selin a doversi rimettere in discussione. “Ho iniziato a chiedermi che cosa fare e alla fine mi sono detta: faccio quello che veramente mi piace, mi metto a cucinare!” Così, frequenta vari corsi di cucina, prepara cene turche per suo marito e i suoi amici, poi prosegue per qualche anno sulla piattaforma di Gnammo. Nel 2015 inizia a collaborare in un catering di cucina con altre tre mamme, La cucina di Malù & Co, con cui preparano vari piatti, sia italiani che turchi e mediorientali, a seconda delle richieste e nel 2019 creano una vera propria società.

Dal 2017 Selin è anche socia di un ristorante trapanese, Cous Cous, aperto di recente a Milano, dove almeno una volta alla settimana sta in sala.

IL RITO DEL MEZE

Il meze è sempre una festa, per questo non ha orari, perchè il suo scopo non è mangiare ma chiacchierare, passare del tempo insieme. Eppure, non possiamo assimilarlo alle tapas o a dei semplici antipasti, poiché il meze costituisce un vero e proprio pasto, anche perchè tutti i piccoli piatti di un meze sono dei piatti a parte interi. Non si passa quasi mai al secondo se non in occasione delle festività più importanti, che prevedono poi altre portate principali. 

Le varie portate presenti nel meze vengono recitate come un poema. E in effetti il meze è proprio un rito, con una coreografia organizzata e un ordine ben preciso: prima arrivano i piatti freddi, poi seguono quelli caldi, che possono essere sia di carne che di pesce. Fondamentale è l’aspetto estetico: il meze dev’essere bello da vedere, con tutte le portate disposte a regola d’arte. Infine, durante il meze è d’obbligo bere raki, che allungato con acqua e ghiaccio in piccoli bicchieri è perfetto per accompagnare tutto il pasto.

LA CUCINA TURCA NEGLI ARTICOLI DI GIULIA UBALDI

1 2