Gluten FreeVegano

Riepilogo

  • 20 Settembre 2022
  • martedì, 20:00 Fino alle 22:00

Contact event manager

1 2 3 4

Prenota subito

  • 45€ Empanadas vegane e non 10 Posti disponibili
Prenota

Prenota il corso

Empanadas vegane e non
10
45€
One time registration allowed for this ticket
0€
Grazie Mille

Empanadas di carne, pesce e vegana

martedì, 20:00 Fino alle 22:00
20 Settembre 2022

000000

Empanadas di carne, pesce e vegana

20-22 + Cena

martedì, 20:00 Fino alle 22:00
20 Settembre 2022

STAMPA

EMPANADAS DI CARNE, PESCE E VEGANA

ARGENTINA

 

con Enrica e Miguel

IL CORSO

Questo corso è incentrato sulla preparazione delle classiche empanadas argentine, cioè i tipici fagottini tradizionali ripieni. In particolare Enrica e Miguel ne hanno ideato alcune versioni originali e innovative, sia a partire dai loro viaggi, sia come risposta ad alcune esigenze. Così, grazie a loro le empanadas diventano un cibo da gustare anche per vegani, vegetariani e celiaci, senza per questo perdere il loro gusto tradizionale. “La radice delle empanadas è il cuore, devono riportarti a casa di tua mamma in Argentina”.

Ad ogni lezione verranno preparate tre varianti, a seconda dell’estro dei due chef, come ad esempio la vegana, con una deliziosa ricotta di soia homemade e impasto gluten free con farine naturali; la gula con il pesce, di solito merluzzo, che richiama il periodo di Miguel in Costa Rica; o la chamaca ispirata al Messico. Tutte vengono fritte o cotte al forno, con in abbinamento alcune salse, come la deliziosa maionese vegana. 

PIANO DIDATTICO

Criolla (carne di manzo, cipolla, peperoni, uova, cumino, origano, paprika, olive, peperoncino in polvere)

Gula (merluzzo, uova, pangrattato, pomodorini, cipolla, origano, sale)

Vegana (funghi, aglio, prezzemolo, ricotta a base di latte di soia e succo di limone)

Degustazione di Dulce de Leche artigianale

DETTAGLI

Costo

45€

Cosa comprende

– 2 ore di corso
– degustazione
brochure con ricette e attestato di partecipazione

CHI SONO ENRICA E MIGUEL

Questa è una storia d’amore.

Enrica e Miguel si incontrano per la prima volta in Messico, ma ancora non lo sanno. Nel frattempo ognuno asseconda la stessa voglia: viaggiare. È così che Enrica, di Milano, va un po’ alla scoperta del mondo, producendo gioielli artigianali, finché, dopo alcune esperienze nella ristorazione, diventa vegana. “Da questo momento in poi questa scelta non mi ha tolto niente, anzi, mi ha solo dato; mi ha dato la possibilità di imparare a cucinare e di approfondire sia la cucina, che me stessa”. Per questo decide di trasferirsi a Lisbona dove frequenta la Scuola di Medicina Cinese, in particolare il corso di Alimentazione Olistica, che la porta ad un profondo percorso di crescita professionale e personale. Ed è qui, che per caso, scopre di essere stata in Chiapas negli stessi giorni e negli stessi posti di Miguel.

Miguel, nato e cresciuto a San Francisco, un piccolo paese vicino Cordoba, lascia presto la scuola per andare a lavorare prima con suo papà, poi in una fabbrica. “Quegli anni mi hanno trasformato, perché ho capito che stavo dedicando la mia vita ai soldi e non a quello che volevo fare veramente”. Così, trova il coraggio di licenziarsi e di aprire prima uno studio di piercing, poi di tatuaggi, le sue grandi passioni. Finché non sente forte l’esigenza di prendere e partire: trascorre anni in Messico, in Costa Rica, in Guatemala. Ed è proprio durante questo periodo che anche nella sua vita ritorna il cibo: “mi è sempre piaciuto cucinare, grazie a mio padre, soprattutto per tante persone. Ma è stato viaggiando che mi sono messo davvero in gioco in questo campo, perché ho iniziato a vendere empanadas in giro per l’America Latina”. 

Quando è ritornato in Argentina, è arrivata Enrica. Tra i due è stato subito amore, hanno dato alla luce un figlio e sono tornati a vivere a Milano, dove durante il lockdown hanno iniziato a pensare di fare qualcosa insieme e di unire, anche lavorativamente, i loro percorsi. È così che è nata l’idea di fare empanadas insieme 

“Il cibo è un amore che abbiamo tutti e due, talmente grande, ma talmente grande”.

L’ARGENTINA NEGLI ARTICOLI DI GIULIA UBALDI

CUCINA ARGENTINA